Cos’è un obiettivo? Come definire i propri obiettivi?

E’ un traguardo che vogliamo raggiungere e per il quale ci sentiremo soddisfatti. Si parte da questa idea per definire i propri obiettivi.

Per definire un obiettivo in modo efficace questo deve essere SMART:

Specific (Specifico): L’obiettivo dovrebbe essere chiaro e specifico, evitando ambiguità. “Voglio migliorare la mia forma fisica” non è un obbiettivo specifico. Voglio correre 5 chilometri in meno di 30 minuti: questo è un obbiettivo specifico e ben definito. “Voglio migliorare la mia forma fisica” è una legittima ambizione che, a dire il vero, potrebbe essere il fine ultimo del nostro obiettivo di correre una certa distanza entro un certo tempo. Facciamo un altro esempio: “Voglio diventare ricco (per vivere serenamente senza preoccupazioni legate ai soldi)”: anche questo è un fine legittimo, ma di per sé è un’ambizione troppo generica. “Voglio aumentare le mie disponibilità liquide di 30.000 euro nei prossimi 12 mesi”: questo può essere uno dei primi passi per vedere materializzata l’ambizione di diventare ricco.

Measurable (Misurabile): L’obiettivo dovrebbe essere quantificabile in modo che tu possa monitorare il progresso e valutare il raggiungimento. E’ un elemento importante per definire i propri obiettivi. Chiediti: “Come misurerò il successo?”.
Nei casi riportati qui sopra, “voglio migliorare la mia forma fisica” non è un traguardo misurabile. Lo sarebbe senz’altro: “voglio pesare meno di 75 chili”, oppure il giù citato “voglio correre 5 chilometri in meno di 30 minuti”.

Achievable (Raggiungibile): L’obiettivo deve essere realistico e raggiungibile con le risorse disponibili. Deve sfidare, ma non essere impossibile.
Fissare un traguardo troppo facile ha poco senso perché è ragionevole chiedere a sé sessi un certo sforzo per raggiungerlo. Tuttavia, fissare un traguardo troppo ambizioso potrebbe essere demotivante. Per quel che mi riguarda “Voglio correre 5 chilometri in meno di 30 chilometri” è un traguardo ambizioso ma raggiungibile con una pratica costante in un lasso di tempo ragionevole. Non sarebbe così “Voglio correre la maratona in meno di 3 ore”. Correre la maratona in meno di 3 ore non è di per sé un traguardo impossibile, ma è difficilmente raggiungibile per un uomo di 50 anni che dedica un bel po’ di tempo al lavoro e alla famiglia.

Relevant (Rilevante): L’obiettivo dovrebbe essere significativo e allineato con gli obiettivi generali e le strategie della propria vita. Chiediti: “Perché è importante?”. “Vorrei fare xyz punti al videogame Alfabeta antro la fine del 2024”. E’ un obiettivo specifico, misurabile, raggiungibile e con un limite temporale. Ma non è (per quanto mi riguarda) rilevante. Poniamoci sempre degli obiettivi che abbiano un significato importante per noi, così che abbia davvero un senso dedicagli tempo ed attenzione. Il concetto di “rilevante” si collega a quello di “raggiungibile: “voglio correre la maratona in meno di 3 ore” per quel che mi riguarda (ognuno ha i suoi obiettivi) non è rilevante ed il motivo sta nel fatto che io corro per stare bene e che tale attività si deve conciliare con il resto della mia vita. Cercare di correre la maratona in meno di 3 ore (entro un certo limite di tempo), è un obiettivo difficile da raggiungere ma soprattutto, per quanto mi riguarda, non rilevante.

Time-bound (Temporale): L’obiettivo dovrebbe avere una scadenza chiara. Questo aiuta a creare un senso di urgenza e a stabilire un periodo in cui valutare il successo.
“Vorrei correre 5 chilometri in meno di 30 minuti”. Entro quanto tempo? Dobbiamo essere in grado di renderci conto se siamo riusciti a raggiungere un’obiettivo, ma senza un termine temporale non lo sapremo mai.

Inizia a correre per tenerti in forma? 

Leggi anche il nostro articolo: Il mondo è degli ossessivi?